Stagioni al Sirente 2021
CARICAMENTO

GIOVANNI BATTISTA TITTA ROSA

Giovanni Battista “Titta” Rosa nasce a Santa Maria del Ponte il 7 marzo 1891, dove cresce insieme ai suoi 6 fratelli e sorelle, avendone persa una in tenerissima età, a cui si aggiungeranno altri tre fratelli avuti dal padre in seconde nozze. Racconterà di sé in maniera quasi esaustiva, alla soglia dei settant’anni: «Sono nato in un paesello d’Abruzzo, un paese degli antichi Vestini, nella vallata dell’Aterno, prima che il fiume raggiunga la “chiusa” di Rajano, un nodo che lega le ultime balze del Sirente, a est, con i contrafforti collinosi e boscosi del Gran Sasso, digradanti verso la piana di Sulmona».

Partecipa attivamente fin da liceale alla vita letteraria della città dell’Aquila, animata all’inizio del secolo da un importante fermento, che vede protagonisti nell’arco di due decenni personaggi come Ettore Moschino, Massimo Lelj, Nicola Moscardelli, Edoardo Scarfoglio (nato nello stesso quartiere di Giacchino Volpe, nella frazione di Paganica) e la moglie Matilde Serao, Pasquale Scarpitti, Silvio Spaventa.

Dopo gli studi liceali all’Aquila lo scrittore si sposta a Firenze, avviandosi fin da subito a diventare animatore polemico della vita letteraria del tempo, di ogni tempo in realtà, attraversato dalla sua penna. 

Dopo la guerra è a Milano che diventa la sua patria d’adozione e in cui si afferma come protagonista della vista culturale e artistica del Capoluogo lombardo. Nel 1931 vince il premio Bagutta con il libro Il varco nel muro, soffiandolo all’amico Cesare Zavattini ,mentre continua lo studio dell’opera manzoniana, del quale diventa uno dei maggiori critici, curando più di trenta pubblicazioni de I promessi sposi, oltre a dedicare diversi libri all’opera dello scrittore milanese. La produzione letteraria di Titta Rosa ha dimensioni complessive enormi, per numero di articoli, romanzi, curatele, prefazioni e introduzioni, traduce perfino dall’inglese Samuel Butler, lavorando fino ai suoi ultimi giorni con instancabile ed entusiasta volontà.

Il sette gennaio 1972, a seguito delle complicazioni di una malattia reumatica, muore nella sua casa di Milano in via della Spiga n.3, ne danno l’annuncio i maggiori quotidiani nazionali, tra tutti La Stampa e L’Avanti che lo ha visto per anni tra i suoi autori. Carlo Bo sulla terza pagina del Corriere gli dedica un ricordo commosso. Ai funerali nella Basilica di San Babila, tra i suoi cari, gli intellettuali e gli scrittori italiani e i protagonisti della politica, spicca una figura familiare, la moglie del suo dirimpettaio nella memoria della valle dell’Aterno, Massimo Lelj. Viene inumato nel cimitero di Milano, successivamente, il 27 maggio 1982 tornerà nella cappella di famiglia a Santa Maria del Ponte, oggi frazione del Comune di Tione degli Abruzzi.